Ottimizzare il proprio PC senza ottimizzatori

Continua la rubrica TechCafé su ValserianaNews, giornale on-line della Val Seriana e Val di Scalve.

Oggi parliamo di come ottimizzare il PC senza usare programmi di ottimizzazione

Ottimizzare il proprio PC senza ottimizzatori

Dopo una pausa per le vacanze un po’ più lunga del solito, torno a parlare di programmi di ottimizzazione, veri o presunti, e di come spesso abbiamo già tutto a portata di man e non lo sappiamo.

Circa un anno fa parlammo delle disavventure di CCleaner, popolare programma di ottimizzazione per PC, che stava distribuendo dal proprio sito ufficiale una versione “hackerata”, che installava un malware in grado di raccogliere dati dal PC della vittima. Nel corso di questo ultimo anno un po’ di cose sono cambiate per CCleaner, ma purtroppo in peggio.

Dalla versione 5.45 il programma ha iniziato a raccogliere dati (in forma anonima). Poco male, c’è l’apposito flag da disabilitare, peccato che anche disabilitandolo non si disabilita. Oltre a questo piccolo fastidio, ora rimane attivo in background e assilla gli utenti con le richieste di passare alla versione a pagamento.

Come possiamo sopravvivere senza questo fastidioso software? Ce la possiamo fare, senza troppi problemi, basta avere un PC con una versione recente di Windows.

L’articolo completo lo trovate qui: TechCafé – Ottimizzare il proprio PC senza ottimizzatori

Annunci

5 cose della settimana – 2h01’39”

Anche sta settimana 5 cose assolutamente inutili per la maggior parte del mondo tranne che per me.

Percorso Lake Garda Marathon 2018
  • Sono stati consegnati i premi Ignobel. Sempre prodighi di novità e bizzarria. Per esempio, quanto sono efficaci le montagne russe per aiutare ad espellere i calcoli renali? Sedendo nei sedili posteriori, la probabilità di espellere naturalmente un calcolo al termine della corsa è pari circa al 64%. Potrebbe tornarmi utile in caso si ripresentino i miei calcoli… Oppure è stato dimostrato che pulire le guance dei pargoli con una bella sputacchiata sul fazzoletto ha perfettamente senso, visto che la saliva umana è un ottimo detergente, grazie all’alfa-amilasi. Invece per dimostrare che i consumatori spesso non leggono il manuale di istruzioni dei prodotti che comprano e quindi raramente utilizzano tutte le funzionalità dei suddetti dispositivi non ci voleva uno studio, ma almeno ci siamo tolti il dubbio. Sul perchè insultiamo alla guida invece, stendiamo un velo pietoso…
  • Hanno spostato la data della Lake Garda Marathon 2018 da Limone del Garda a Malcesine perchè in Trentino ci sono le elezioni. Poco male, per me non cambia molto, ho una settimana in più per prepararla. Ah, sarà il 28 ottobre.
  • Scientificast. L’ho già detto? E’ una figata, ascoltatelo!
  • DAZN trasmette la NFL, ci sto seriamente pensando, soprattutto per l'”On-Demand”. anche se dicono che non va.
  • A Berlino è stato battuto il record mondiale della Maratona: Eliud Kipchoge () entra nella leggenda. Autoritario, in testa fin da subito, 17km senza lepri e passaggi da brivido:
    – km 1: 2’43”
    – Km 5: 14:24″
    – km 10: 29’01” (14’27” dal 5° al 10°)
    – km 15: 43’38” (14’37” dal 10° al 15°)
    – km 20: 57’56” (14’18” dal 15° al 20°)
    – mezza maratona: 61’06”
    – km 25: 1h12’24” (14’28” dal 20° al 25°)
    – km 30: 1h26’45” (14’21” dal 25° al 30°)
    – km 35: 1h41’01” (14’16” dal 30° al 35°)
    – km 40: 1h55’32” (14’31” dal 35° al 40°)
    – maratona: 2h01’39” (WR – 2’53/km)

    Adesso rileggete i passaggi: 2’43” per il primo chilometro. Cioè 22 km/h.
    2’53” di media su tutta la gara: ha corso a 20,8 km/h per due ore.
    Alzi la mano chi riesce a fare 42 chilometri e spicci a 20 all’ora in MTB.
    Il mio obiettivo resta sempre fare meno del doppio del vincitore: l’obiettivo maratona sotto le 4h rimane sempre valido!

A presto!

Podio Maratona di Berlino 2018
Beviamoci questa meritata birretta…

La musica è on line

Continua la rubrica TechCafé su ValserianaNews, giornale on-line della Val Seriana e Val di Scalve.

In questo numero, servizi musicali per tutti!

La musica è on line

Proliferano i servizi per ascoltare musica on-line. Le possibilità sono varie e differenziate, da Spotify al nuovo arrivato YouTube Music, quale è il vostro preferito? E vale la pena acquistare la versione Premium?

La notizia è quella dello sbarco in Italia di YouTube Music, il servizio dedicato alla fruizione di contenuti musicali (video, tracce audio, playlist e molto altro), di base gratuito con inserti pubblicitari o in versione Premium, senza pubblicità e con servizi aggiuntivi.

Dopo il lancio negli Stati Uniti e in altri mercati selezionati (Australia, Nuova Zelanda, Messico e Corea del Sud) i nuovi abbonamenti YouTube Premium e YouTube Music sono ora disponibili anche in 13 paesi europei (Italia compresa).

L’articolo completo lo trovate qui: TechCafé – La musica è on line

5 cose successe(mi) questa settimana

Visto che la comunicazione si fa sempre più rapida e frenetica e sostanzialmente non sto dietro più al blog perché son sempre di corsa, rubo l’idea a DCRainmaker: ogni settimana un breve post, con 5 cose che sono successe, che mi sono successe o che in qualche modo hanno attirato la mia attenzione durante la settimana e soprattutto nel weekend. Con qualche link, sempre che non diventi reato per la nuova normativa europea sul copyright…

5 Things

 

 

Perché continuare?

Ultimamente mi chiedo spesso se abbia senso tenere aperto il blog.

Quando ho iniziato nel 2006 ero più che altro incuriosito dalla parte tecnica, da come funzionava questo nuovo (per me) mondo dei CMS (Content Management Systems) che rendeva più semplice e rapido produrre contenuti di qualità senza sapere nulla di HTML, CSS e simili. Bastava scrivere.

In seguito è diventato una raccolta di pagine, siti, link, una specie di catalogo, di elenco di preferiti e di notizie da leggere. Poi è arrivato Google Reader, che hanno chiuso ma tanto c’era NetVibes, e Instapaper, che adesso per colpa del GDPR non funziona più, ma tanto c’è Pocket di Firefox…

Poi mi hanno rubato la bici, e quindi ho smesso di scrivere dei miei giri in MTB.

Adesso praticamente c’è un social per tutto (Facebook, Twitter, Instagram, vari forum, Goodreads o Anobii, il Nikon club, Garmin, Strava, SmashRun, Whatsapp, Telegram e compagnia) e tante volte ho pensato di chiudere il blog, non scrivere più che tanto scrivo anche altrove…

In effetti è già un po’ come se fosse chiuso, ci scrivo pochissimo, e cose molto brevi.

Ma lo tengo, tanto è servito sempre a me più che a qualcun altro… l’articolo più gettonato è ancora quello su Trilioni e triliardi… quindi…

A presto!