Le storie del supporto /10

Dove Scavo? – Il ritorno

Dopo aver isolato per un giorno intero la sede staccata del nostro stabilimento (vedi qui) i carissimi omini in salopette (US) non si smentiscono…

Dopo il disastro, dicevo, è stato deciso di sostituire e interrare la fibra ottica, in modo che passi tutta su nostra proprietà e che venga stesa come si deve e in un pezzo unico.

Si decide di optare per un tipo di fibra diverso dal precedente; non conosco i dettagli ma la nuova fibra è meno flessibile, va posata con “angoli” meno pronunciati però disperde meno il segnale consentendo una velocità più elevata.
Il problema principale è che questa fibra, se piegata troppo, perde le caratteristiche di “conducibilità” e va tagliata e ricollegata, con conseguente perdita di qualità del segnale.

Il bobinone viene consegnato agli omini in salopette per la posa.
Dopo due giorni il responsabile dei lavori (RL) fa un sopraluogo sul cantiere e…

RL: AAAAAARGGGGHHH!!!
US: Che succede
RL: Vi avevo detto che la bobina andava trattata bene, senza colpi, botte, piegature…
US: Infatti…
RL: E cosa ci fa sotto un mucchio di mattoni?
US: Ah, il camion glie li ha scaricati sopra
RL: (diventando di tutti i colori) E SECONDO VOI QUESTO VUOL DIRE TRATTARLA BENE?

Risultato: bobinone di fibra inutilizzabile…
Sarà una avventura lunga prima di riuscire ad avere la nuova fibra posata…

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...