Evidentemente la fine del mondo non c’è stata

In questi giorni si parla molto dell’esperimento che si farà al LHC (Large Hadron Collider) che secondo alcuni genererà un buco nero che inghiottirà la terra.

L’esperimento è destinato alla ricerca della cosiddetta “Particella di Dio” o, secondo la nomenclatura ufficiale, del “bosone di Higgs”.
Per arrivare alla particella di Dio si è scesi 100 metri sottoterra e si è scavato un tunnel che è un cerchio perfetto lungo 27 chilometri. Nel tunnel verrà lanciato un fascio di protoni che correrà a una velocità che è il 99,9999991% della velocità della luce. Nel gigantesco “autoscontro” fra i protoni si scateneranno energie che normalmente si registrano solo nello spazio. Sottoterra la materia disgregata per un istante tornerà allo stato che aveva alcuni miliardesimi di secondo dopo il big bang.

Oggi ci sono solo esperimenti preliminari, mentre i primi scontri fra protoni avverranno le prossime settimane; per vedere la macchina funzionare a pieno regime bisognerà aspettare il 2009.

Qui potete trovare il video con la simulazione al computer dell’esperimento: ADN Kronos

E qui un documento in italiano che spiega dettagliatamente come le ipotesi catastrofistiche siano infondate: CERN

Stupisce come sempre l’enfasi data dai giornalisti alla teoria “distruttiva” mentre pochi accenni alle comunicazioni ufficiali del gruppo di scenziati.
Per farsi capire dalla gente comune, hanno anche realizzato un video rap per spiegare cosa avviene nell’acceleratore.

A chi chiede quali sono le finalità pratiche di una cattedrale della scienza costata 6 miliardi di euro, la maggior parte dei fisici risponde che proprio al Cern alla fine degli anni ’80 per gestire la gran mole di dati degli esperimenti fu inventato il world wide web.

Se volete dare una mano agli scienziati a riordinare la loro enorme mole di dati, esiste un progetto di computazione distribuita per donare il tempo libero del vostro PC: si chiama LHC@home e può essere gestito anche da vari Account Manager per questo tipo di progetti, quale ad esempio BAM.

Persino Google ha dedicato la sua immagine del giorno a LHC.

Altri link in ordine sparso:
Unico-Lab

Attivissimo

C’è anche una webcam per seguire gli esperimenti in diretta: CERN Webcast

Se state leggendo, niente buco nero.

Per ora.

Advertisements

11 pensieri su “Evidentemente la fine del mondo non c’è stata

  1. Dobbiamo vederci per una cena perchè se ti interessi anche di Astronomia credo che avremo da discutere io e te per almeno una ventina di ore.

    Post perfetto e comprensibilissimo. Grande.

    yours

    MAURO

  2. @Mauro: da buon ingegnere, mi interesso di come funzionano le cose, e tra queste mi interessa anche come “funziona” il nostro universo.
    L’astronomia non è proprio una delle mie passioni, ma sono un buon ascoltatore!

    Se le nostre mogli non si decidono, organizziamo noi!

  3. Vorrei rispondere a “Evidentemente la fine del mondo non c’è stata”
    Innanzitutto il CERN ora ha soltanto acceso LHC, e mi sembra che ci sia già stato un guasto, il vero esperimento lo si farà, appena il reattore sarà riparato, negli anni prossimi. Stai tranquillo che a noi non diranno nulla così come non ci hanno mai detto nulla di tutti gli altri esperimenti.
    Sei stato informato di un certo Yves Rossy che ha sorvolato la Manica con un ala a reazione?

  4. @Rino, evidentemente non hai letto il mio post… mi autocito…

    Oggi ci sono solo esperimenti preliminari, mentre i primi scontri fra protoni avverranno le prossime settimane; per vedere la macchina funzionare a pieno regime bisognerà aspettare il 2009.

    Al CERN c’è un acceleratore di particelle e NON un reattore.
    Se aspetti che in TV dicano qualcosa di sensato sugli esperimenti del CERN, o che spieghino in parole semplici, comprensibili e senza dire stupidaggini, che cos’è l’LHC, allora ti do ragione.
    Se vuoi informarti, vai sul loro sito, c’è il programma dettagliato degli esperimenti (forse adesso è stato cambiato, visti i guasti ai serbatoi di elio), e anche la webcam per seguirli in diretta.

    Per quanto riguarda Yves Rossy, in arte Fusion-man, ne hanno parlato PERSINO a Studio Aperto.

    Personalmente non sono stato informato (si vede che era impegnato con i preparativi e non mi ha chiamato) ma di solito l’informazione la vado a cercare, non la subisco…

  5. Ciao jenga, grazie x la correzione lo chiamavo reattore ed invece è un acceleratore. Sul loro sito ci sono stato e mi sono documentato, anche se non ho capito tutto sai io provengo da studi artistici e non tecnici, sono un grafico.

    Quello che volevo dirti sull’informazione, anch’io come vedi mi documento da solo e non la subisco, ma questa cosa non la ritengo giusta l’informazione dovrebbe essere alla portata di tutti, poi a chi interessa la materia si documenterà ulteriormente e chi vuole vivere nella sua ignoranza pazienza.
    Non credi?
    Ciao Rino

  6. @Rino:
    Perfettamente d’accordo: l’informazione di base la dovrebbero dare i giornali e la tv.
    In realtà l’informazione giornalistica non esiste. O è mischiata a rotocalco, cronaca rosa e isole dei famosi…

    Hai provato ancora a comprare 3 quotidiani diversi?
    La prima pagina è identica. Possibile che non ci siano altre notizie? Possibile che si vogliano evidenziare solo certe notizie?
    Possibile che certi giornalisti pubblichino per vere notizie nemmeno verificate?
    Si aprirebbe un discorso infinito: chi ha in mano i giornali e le tv, ha anche il potere politico. Chi ha interesse ad andargli contro?

  7. Ciao jenga, scusami se non ti rispondo subito ma sono stato preso col lavoro di alcune etichette di vino che devono uscire sul mercato prima di Natale.
    Se parliamo di informazione come dici tu probabilmente non smetteremmo più, ormai è da anni che l’informazione va a periodi, c’è il periodo dei morsi dei cani, il periodo degli stupri, il periodo ecc..ecc… per non parlare dell’emergenza caldo, emergenza freddo, emergenza… … per poi arrivare al punto che il popolino non riuscendo a capire cosa fanno gli scienziati, poi ha paura del loro operato. Ecco perchè LHC ha creato un certo panico a persone ignoranti in materia, mi ci metto anch’io di mezzo tra questi. Solo che poi ho voluto capire cosa stavano facendo e da li ho iniziato a documentarmi. Come puoi capire x me la materia è un po complicata, sarei contento se tu potessi schiarimi su qualche buco nero che c’è nella mia testa.
    Ti saluto e spero di sentirti presto, Ciao Rino

  8. direi che hai centrato in pieno il problema:
    “per poi arrivare al punto che il popolino non riuscendo a capire cosa fanno gli scienziati, poi ha paura del loro operato. Ecco perchè LHC ha creato un certo panico a persone ignoranti in materia, mi ci metto anch’io di mezzo tra questi.”

    Non posso dire di essere ferrato in materia, perchè di buchi neri ne ho parecchi anche io… se tanto mi da tanto non ti arrenderai di fronte a un parolone scientifico!

  9. Ciao jenga, era da molto che non venivo più qui, come va tutto OK?
    Spero di risentirti e che mantenga vivo questo blog, mi dispiacerebbe non rileggere i tuoi pensieri e le tue considerazioni.
    Ciao a presto Rino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...