Nikon D80

Ho commesso l’errore (diciamo così) di fare il corso di fotografia con gli amici del Circolo Fotografico “Foto 93” di Villa d’Ogna. E scoprire che la mia compatta, pur avendo un ottica decente, fa veramente pietà.

Non posso impostare nè tempi (se non in modalità notturna, dove il minimo è 1/60 di secondo) nè diaframmi nè la sensibilità ISO.

Non ha neanche i programmini stupidi tipo “panorama” o “sport” o “ritratto”.

Ha delle impostazioni che non si capisce a cosa servano; tipo la “quality” che non è la quantità di Mpixel usati, o la “sharpness” che boh, non ho idea di cosa possa essere…

E allora scatta la ricerca ovunque di una reflex digitale usata, rigorosamente Nikon, ma dal budget non esoso.

E alla fine l’ho presa: Nikon D80 solo corpo… la doteremo di un 18-70? probabilmente si, intanto ci accontentiamo del 50ino del Mic (che comunque è un bell’accontentasi!)…

Advertisements

11 pensieri su “Nikon D80

  1. Ci sarebbe da parlarne per anni.
    Ricorda solo una cosa: ha comprato UNO strumento e questo, come ben sai, va usato secondo uno SCOPO.
    Se per te la fotografia è hobby allora vai pure alla ricerca dell’ultimo ritrovato tecnico.
    Se è anche solo fintamente arte… beh, TUTTO si DEVE piegare a quello che vuoi dire. E quando dico tutto, dico TUTTO: strumento, realtà, presunta rappresentazione impossibile.

    C’è nè da parlare… 😉

    yours

    MAURO

    • Avevo scritto una replica chilometrica, ma rileggendola suona molto egoista… Non voleva esserlo, per cui ci dormo sopra e ci ripenso.

      Grazie degli spunti di riflessione.
      Notte!

  2. Qualcosa mi dice che probabilmente le mie risposte ti sono sembrate saccenti a dir poco.
    Lo sono probabilmente, anche se naturalmente non volevano esserlo di primo acchito.
    Solo vedo tanta, troppa “realtà” che domina le intenzioni di presunti autori quando dovrebbe essere giusto giusto il contrario.
    E ti parla uno che naturalmente ha poco o nulla da dire fotograficamente parlando, ma che credo (a torto probabilmente) di poter (VOLER!) dire qualcosa con altri STRUMENTI artitistici e per quelli studia, pensa e ci dorme sopra. 😉

    Diciamo che mi piace l’arte, non l’artigianato. O meglio so benissimo che l’arte è soprattutto grandissimo artigianato. Ma è anche, SOPRATTUTTO, comunicazione di sé.

    Quando e se vorrai parlarne, sarò felice di ca(r)pire il tuo punto di vista. 😉

    yours

    MAURO

    • No, no, non era assolutamente per quello. Rileggendo quello che ho scritto (alle 23:38, che non ho ancora messo a posto l’ora legale) mi sono accorto che suonava un po’ seccato…
      Quello che intendevo era che dal mio punto di vista le fotografie sono ricordo e documentazione per momenti di vita che voglio tenere freschi nella memoria. Per cui dietro non ci sta un vero progetto, ma più che altro l’intento di fissare momenti e situazioni che non tornano.
      Per questo il mezzo di prima mi stava stretto, troppo “meccanico” e poco spontaneo. La macchina nuova è, se vuoi, molto meno spontanea, al primo sguardo. Una volta configurata, metti a fuoco e scatti. Che è quello che voglio.

      Poi l’acquisto è anche dettato dalla mia mania per l’elettronica in generale: non credo che farò foto migliori di prima, come dice Balduzzi: “E’ l’occhio che fa la foto, non la macchina”.

      Alla prima occasione ne (ri)parliamo!

  3. Il fatto di aver voluto andare a fondo dei concetti primari di “comunicazione visiva” (con il corso) per poter parlare con uno scatto è “sintomo” che stai cercando di “raccogliere ricordi” in modo per lo meno personale.
    E non era nemmeno una tirata d’orecchi la mia. Lungi da me la volontà di criticare di un acquisto; tant’è che la reflex la vorrei avere anche io, o meglio l’avrei voluta anche io… ora invece mi sono reso conto che per la MIA fotografia (che già ti scrissi) quello che conta è soprattutto avere qualcosa da dire.
    Al di là degli strumenti (e qui mi sembra scontato), al di là di una presunta “etica del reale” e soprattutto (attenzione) al di là di una estetica pura e sterile (magari dettata da una regoletta dei terzi utile giusto per capire come scardinare le aspettative…)! Non vorrei ad esempio che ti sia stato sottolineato che photoshop debba essere usato solo per correggere i minimi particolari, senza “alterare la realtà”, quando invece è semplicemente un grande STRUMENTO di comunicazione, esattamente come lo è la stampa seguita dal fotografo e dal mastro stampatore, anche perchè, lo sai, già cambiare un obiettivo è cambiare la “presunta realtà della fotografia”. Pretendere la “realtà” è filosoficamente un errore, e non “sfruttarla” per parlare di sé è un peccato. 😉
    See here: http://www.michelevacchiano.com/ordine.pdf
    Michele è uno dei tanti che mi hanno portato a questa visione, certamente personale, ma che mi piace condividere con chi ha voglia di parlarne. ^__^

    Solo un’ultima considerazione: a mio avviso è l’aspetto “comunicativo” di uno scatto a fare di esso una “fotografia”.
    Al di là di un occhio che può notare estetiche d’impatto e, naturalmente, di uno strumento che possa rendere al meglio tali estetiche.
    E’ tutta una sinergia, ma il motore scatenante è l’URGENZA.
    E se ben ci pensi è proprio quella che ti fa alzare la macchina dicendo “BELLO!”, solo che bisogna rendersene conto e soprattutto saperla incanalare.
    Io non ci riesco e per ora ho smesso cercando almeno di formulare un progetto sul quale posso tentare di dire la mia senza essere “schiavo” di una falsa urgenza che in realtà è una semplice realtà di bella estetica.

    Ma sono opinioni personali, naturalmente. Scusami se ti ho infastidito e soprattutto se ti sono sembrato, che ne so, classista o sbruffone. La mia intenzione è puramente dialogante, proprio per capire meglio anche le mie visioni. ^__^

    A presto e grazie!

    Yours

    MAURO

    PS: resta il fatto che l’acquisto fatto è ottimo. E il 50mm d’obbligo! 😛

    • Mauro, come ben sai il fatto di avere un blog e di lasciare aperti i commenti è di per se sintomo di voglia di dialogare.
      E non pensare di essere sbruffone o saccente. Sicuramente hai fatto un percorso di riflessione su queste cose più lungo e articolato del mio.
      Questo spazio è aperto proprio perchè mi piace sentire i pareri degli altri, le opinioni e le idee.
      Se mi tenessi solo le mie sarebbe limitante, anche se a volte (e non è il tuo caso) le idee e i pensieri degli altri non sempre fanno piacere.

      Il mio desiderio iniziale era di capire come fare delle fotografie BELLE. Ben presto mi sono accorto le le fotografie BELLE le facevo già 🙂 anche se non erano corrette “compositivamente parlando”. Conoscere la regola dei terzi e le altre regole di composizione dell’immagine serve per capire quando vanno applicate e quando ignorate.
      Anche il discorso Photoshop può essere molto articolato: anche quando si scattava in pellicola c’erano i fotomontaggi, i ritocchi, le tecniche di sviluppo e stampa, la scelta della carta e del tipo di pellicola, per dare effetto diversi: colori più o meno saturi, bianco e nero, ecc.
      Personalmente cerco di usare PS per dare un aspetto “reale” alle foto. E non voglio entrare nel discorso di cosa sia la realtà e di come sia possibile coglierla. Intendo che le forzature (per esempio l’HDR) non mi piacciono e non le cerco. Non è quello che io intendo per fotografia.
      Ma lo stesso discorso si potrebbe fare per la musica o la pittura: non tutto mi piace, per cui se c’è una mostra di impressionisti vado a vederla, di pittori astratti piuttosto vado al parco. Ovviamente ho scelto un esempio estremo per rendere il concetto, spero di aver dato un contributo chiaro a questo scambio di opinioni!

      Il 50ino me l’hanno prestato, ma per un po’ me lo tengo!

  4. Ti rispondo quotandoti ^^:

    <<Mauro, come ben sai il fatto di avere un blog e di lasciare aperti i commenti è di per se sintomo di voglia di dialogare.

    Ero convinto della tua intelligenza e apertura mentale e tutta questa splendida risposta ne è la prova lampante. ^__^

    <<Sicuramente hai fatto un percorso di riflessione su queste cose più lungo e articolato del mio.

    Bah, si dovrebbe riuscire a parlare di queste cose mostrando i propri risultati però e qui latito parecchio… ;))

    <<<Il mio desiderio iniziale era di capire come fare delle fotografie BELLE. […] Conoscere la regola dei terzi e le altre regole di composizione dell’immagine serve per capire quando vanno applicate e quando ignorate.

    E quando vanno sostenuto o ignorate? Quando il messaggio che si vuole trasmettere si trasmette MEGLIO in questo o l’altro modo. Per questo mi sembra assurdo non PRESUPPORRE ad un qualsivoglia corso l’idea FONDAMENTALE CHE SI SCATTA PER “PARLARE ATTRAVERSO IL LINGUAGGIO VISIVO” e non per mostrare la tecnica. Scusa l’urlo e scusa la banalità. Ma da quel che sento in giro tanto banale non è… ahimé…

    <<<Anche il discorso Photoshop può essere molto articolato: anche quando si scattava in pellicola c’erano i fotomontaggi, i ritocchi, le tecniche di sviluppo e stampa, la scelta della carta e del tipo di pellicola, per dare effetto diversi: colori più o meno saturi, bianco e nero, ecc.

    Voilà, PUNTO! E il tutto non per far vedere si era capaci di farlo, ma solo per COMUNICARE meglio l’intenzione visiva.

    <<<Personalmente cerco di usare PS per dare un aspetto “reale” alle foto.

    mmmmh, qui ne dobbiamo parlare, sono curioso di sentire cosa hai da dire. ^__^

    <<<E non voglio entrare nel discorso di cosa sia la realtà e di come sia possibile coglierla.

    come sia IMpossibile coglierla. Ed è questo che rende tutto così appassionate, così vivo, così pulsante, così… Arte. Ne parleremo ^^

    <<<Intendo che le forzature (per esempio l’HDR) non mi piacciono e non le cerco. Non è quello che io intendo per fotografia.

    Probabilmente non ti serve, almeno per ora. L’importante è non chiudere nessuna via e non avere pregiudizi. Se non altro per non chiudersi in falsi preamboli che limitano nel tempo i cambiamenti di opinione, le estrose manie della fantasia e con essa la possibilità di “comunicarsi” in modo nuovo e artistico.

    <<<Spero di aver dato un contributo chiaro a questo scambio di opinioni!

    Assolutamente. Ricordami che appena ci vediamo ti devo raccontare dell’argomento delle prime 3 lezioni di fotografia che un mio amico ex professore dell’europeo di design faceva.
    Fa capire tutto. 😉

    yours

    MAURO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...