L’algoritmo dell’armadio

Stamattina mentre mia moglie stava cercando dei vestiti da mettersi (Lei:”Dov’è la mia canottiera di maglietta??” Io:”EEEH?”) riflettevo sulla diversità con cui uomini e donne vedono il loro armadio.

Le donne hanno l’armadio pieno di qualunque cosa indossabile, ma cercano sempre quel capo che non c’è, non si trova, non è ancora stato lavato o è appena lavato e non è stirato (“Non ho niente da mettermi…”).

Gli uomini prendono le prime due cose che capitano, e se i colori stanno insieme decentemente, le mettono (a volte anche se i colori NON stanno insieme decentemente…).

Il problema probabilmente è che le donne non hanno un algoritmo di “rotazione dell’armadio”: un capo può restare nell’armadio per anni senza essere indossato “perché potrebbe sempre servire”, mentre altri non fanno a tempo a finire sull’appendino che vengono subito riusati.

Io invece ho impostato un algoritmo per non lasciare giacenti le magliette o i pantaloni.

I pantaloni sono divisi tra invernali ed estivi e a seconda della stagione prendo il primo a sinistra e lo metto. Quando mia moglie stira, i pantaloni appena stirati li metto a destra. Così facendo, tutto si sposta lentamente a sinistra e tutti i pantaloni vengono indossati a rotazione.

Per le magliette è più o meno lo stesso, prendo la prima in basso dalla pila (quella che verosimilmente sta li da più tempo), e se non è eccessivamente stropicciata e non fa a pugni con i pantaloni, la metto. I capi stirati finiscono ovviamente sopra alla pila.
Se invece la maglietta fa cagare con i pantaloni, tolgo la seconda dal basso e rimetto a posto la prima.

Se non ci sono intoppi, nel corso di una stagione, ho buttato tutte le magliette piccole o consumate o vomitevoli e sono pronto ad affrontare la stagione successiva con lo stesso algoritmo!

P.S.: giusto perché amo le statistiche e i numeri, questo è il post numero 300 da quando è aperto il blog. Sapevatelo!

5 pensieri su “L’algoritmo dell’armadio

  1. ti stimo fratello !!!! 😉 … anche se, lasciamelo dire, questa cosa dell’algoritmo mi lascia un po’ perplessa…

  2. Il FIFO dell’ armadio non l’ avevo ancora considerato.
    Sei un genio. Peccato che possa funzionare solo con gli uomini e io abbia due figlie!
    Ciao cognato!
    Angela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.