AstroSamantha e le dirette TV

Domenica 23 Novembre, ore 21:40
Sto cercando qualche canale che trasmetta la diretta del lancio della Soyouz con a bordo la prima astronauta italiana, Samantha Cristoforetti. Sto già disperando, quando approdo su Rai News 24. E la diretta C’E’!
Il primo pensiero è stato “che bello almeno su un canale di notizie fanno la diretta del lancio”. Non male.
La scienza (in generale) difficilmente approda in TV. Certo, su un canale di notizie, non sulla rete principale, ma è già qualcosa.
Mi godo le immagini, il racconto della giornata prima del lancio, la storia del pupazzetto (il pupazzo di neve di Frozen, appeso nella capsula Soyouz) che fa da indicatore dell’accelerazione, le “semplificazioni” eccessive dei due commentatori e qualche strafalcione (“la navetta sarà sottoposta a una forza di gravità di 3,6 g…” ripetuto varie volte… ehm, non è gravità… è accelerazione!)…
Certo, avrei preferito il commento dei tre ex astronauti italiani (Parmitano, Nespoli e Guidoni) che si prendevano anche un po’ in giro tra loro (non ricordo chi dei tre ha detto “Ecco Samantha che ESCE la bacchetta per premere i pulsanti” e un altro “ESCE la bacchetta? Ma che italiano è?” “Zitto tu, io sono capitano e posso dire quello che voglio”…), ma tutto sommato le immagini del lancio e delle prime fasi del volo parlavano da sole e i commentatori sono persino bravi, costretti a usare termini semplici e a semplificare i concetti.

AstroSamantha

Il giorno dopo leggo questo articolo, e mi viene il dubbio di essere troppo ottimista…

Avevo dato un taglio positivo alla presenza della diretta, mentre mi trovo a leggere che è il segno del degrado italiano e che non c’è più speranza.

Può anche essere vero, e le polemiche sui costi e l’inutilità delle missioni spaziali (tipo questa o quella dell’ESA denominata “Rosetta”) non fanno che confermare la scarsa conoscenza dei fatti e delle possibilità della scienza.
Tipo i costi: 3 euro per ogni cittadino europeo per mandare Rosetta e il lander Philae su una cometa. 9 anni di viaggio e di lavoro delle menti più brillanti d’Europa, tra cui molti italiani. 3 euro spalmati su 9 anni non mi paiono tanti. quanto ci costa la politica ogni anno? Non lo so e non voglio fare il conto.
La scienza è difficile
Se la scienza e la tecnologia facessero meno paura, fossero meno demonizzate, non ci sarebbe il problema di raccogliere fondi per la ricerca.
Samantha passerà i prossimi sei mesi su una stazione spaziale a fare ricerca scientifica. Quella stessa ricerca che permetterà, domani, di creare un nuovo laser per rimuovere un tumore maligno dal seno lasciando intatta la mammella o costruire un antenna più efficiente e meno dispendiosa energeticamente per portare internet ovunque.
O che ha permesso in passato di lanciare una costellazione di satelliti che oggi ci guidano da casa nostra a un posto sconosciuto grazie a un ricevitore GPS ospitato nel nostro smartphone.
Pensateci: il sistema GPS è una delle tecnologie più sorprendenti e più diffusa. Un satellite che trasmette al vostro telefono informazioni sulla loro distanza relativa da una quota di 20000 km. Con tutti i problemi del caso, di trasmissione, di sincronizzazione degli orologi, di correzioni dovute alla teoria della relatività (eh, già… i satelliti viaggiano parecchio veloci e risentono degli effetti relativistici. E questa è una DIMOSTRAZIONE che la teoria di Einstein non è una baggianata). E una voce vi guida a casa del vostro amico dove non siete mai stati, sbagliando pochissime volte.
Il problema…
Il problema non sono le TV, sono gli italiani. Loro vogliono calcio, tette e pettegolezzi, e la TV gli propina esattamente quello. La scienza in TV non fa audience: ricordate i primi lanci dello Space Shuttle americano? Grandi dirette televisive. Dopo un po’ erano stati relegati a un misero commento a fine TG, almeno finché non c’era un incidente in volo.
La scienza è difficile, bisogna accendere il cervello e cercare di capire cosa succede. Tette, gossip, moviole e falli da dietro non impegnano la mente. Se mai redirigono il flusso sanguigno altrove…
Alla fine non posso che concordare con il dottor Loiacono:
[viviamo in] uno stato dove ormai la cultura ed un evento storico della scienza, vengono superati da un cantante mediocre, dalla replica di un film e da una banale partita di calcio.

2 thoughts on “AstroSamantha e le dirette TV

  1. Due cose velocissime, tanto lo so che non le prendi come un rimprovero al post, ma come un contraltare-contrappunto:
    – Dici che non c’è spazio per la scienza sulla tv. Hai ragione. Questo nonostante di scienza si parli e si straparli da un bel pò e gli scienziati sono spesso innalzati a vati che esplicano il senso della vita. Immagina che spazio ha in questi canali la filosofia che fonda l’epistemologia moderna. E ti dico altro: meglio così. Non tutte le discipline possono essere omogeneizzate in quel che è diventato un contenitore cretidiota per anoressici intellettuali: Per lo meno non senza tradimenti delle discipline trattate: la scienza è una di quelle, la filosofia men che meno. Non è un discorso per tutti. Sono elitario? Me ne fotto, anche perché non è vero.
    – La problematica allora si sposta proprio sul elitarismo, sotto un altro punto di vista. Non credo di essere personalmente elitario a dire che la tv, per come è concepita oggi, non può parlare di scienza (e di filosofia). Viceversa è necessario che chi CREDE di intendersene di scienza (e di filosofia) scenda dai troni di quella saccenza che spesso imperversa negli ambienti scientisti (o filosofisti) per i quali l’utilità delle tecnoscienze è la prova inconfutabile della Verità delle proposizioni scientifiche. Questa prospettiva non invece chi ha a cuore davvero la filosofia o la scienza poiché il vero filosofo, come il vero scienziato (!), è scettico, in primis anche della sua personale filosofia e sa – SA per obbligo razionale epistemologico! – che la Verità sulla realtà non sarà mai raggiunta da un sapere che è insito nella realtà stessa.

    In breve: ci sono discorsi che Platone, grande scrittore, non ha mai scritto poichè non possono essere scritte, ma vanno vissuti e pensati per tutta una vita (cfr. VII lettera). Oggi giorno non sono solo i discorsi “primi” e “ultimi” (leggi filosofia) non vanno relegati/regalati ad uno strumento imperfetto, ma anche quelli “fra questi primi” (leggi scienza). Soprattutto non vanno relegati/regalati attraverso un medium – ripeto – divenuto un contenitore cretidiota per anoressici intellettuali. Prima che qualcuno pensi di poter pontificare dal basso della sicumera di tale cretidioteria. Cosa che molti fanno dopo aver letto malamente l’ennesimo buon Davies o prendendo per vate il sempre più inspiegabilmente contradditorio Hawking o – peggio ancora – sposando in pieno l’ideologia superstiziosa del new atheist di Dawkiniana memoria…

    • Se non volevo risposte avrei chiuso i commenti😉
      Al di la del livello infimamente basso delle trasmissioni televisive, e della scelta del palinsesto (che non può essere che quella attuale: contano lo share e la pubblicità, mica i contenuti. Altrimenti trasmissioni come Voyager o Mistero non potrebbero esistere), volevo più che altro sottolineare che anche la scelta delle notizie e dei servizi da mandare viene sottoposta a questa regola: in TV passa di più il cane maltrattato dello scienziato o dell’astronauta (non parliamo poi dei filosofi, pedagogisti, teologi… se mai i tweet del Papa, ma mica neanche sempre…).
      La TV è passata da essere “educatore” (quando gran parte degli italiani era analfabeta o quasi) a “contenitore” di scemenze
      Leggo sempre più spesso di persone che si lamentano che pagare il canone per il livello di servizio che riceviamo è un furto, o che non bisogna pagare perché il servizio pubblico non è un servizio degno.
      Probabile.
      Ma l’abbiamo voluto noi così.
      E ce lo teniamo. Purtroppo.

      Come tu ben sai, approfondire un argomento (qualsiasi esso sia) costa tempo e fatica. E in TV non c’è spazio per la pazienza e il sudore.
      Solo quelli di Amici sudano e faticano, o a X-Factor si piange e si studia. Studiare… che termine desueto…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...