BENACO

Le montagne morbide sono la cornice

di un ritmo oleoso,

piccole lingue d’acqua spuntano

dal blu.

Le vele spruzzano schiuma di nuvole

per unire terra e cielo, ed io

amo disegnare la forma

di parole appoggiate su una panchina

in riva al lago.

Voci e suoni spaiati si inseguono,

scivolano,

il vento soffia bolle che scoppiano

nell’orizzonte che ondeggia.

Il tempo che passa è solo

un leggero tremore

dell’acqua.

Poesia di Monica, disegnetto mio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.