Preordinare conviene (!)

Per la prima volta ho preordinato un libro su Amazon: in pratica ho prenotato la mia copia quando il libro non era ancora disponibile nelle librerie.

Ora il libro è uscito dopo il lancio ufficiale del salone del libro, e il signor Amazon mi ha scritto questa mail:

Gentile Cliente,
Ti confermiamo di aver effettuato un rimborso di EUR 0,04 per il seguente ordine 405-XXXXXXX-XXXXXXX.

Effettivamente ordinare in anticipo conviene!

MLOL e la nuova protezione dei libri

La notizia più importante del giorno:

Il 28 ottobre #MLOL passerà a un sistema di prestito completamente nuovo, basato sulla protezione Readium LCP e sulle nuove app, per computer e mobile, MLOL Ebook Reader.

ATTENZIONE:
ci sarà un cambiamento nella navigazione del sito. Quando accederete al prestito di un ebook, avrete la possibilità di scegliere in base al dispositivo di lettura:
1) se leggete su computer, smartphone o tablet, vi verrà proposto l’ebook protetto con LCP, che potrete leggere con l’app MLOL Ebook Reader
2) se invece leggete su e-reader non compatibile con LCP, ad es. il Kobo, potrete scaricare il file protetto con DRM Adobe (come avete sempre fatto). Se l’e-reader è compatibile (ad es. Tolino) potrete scaricare l’ebook protetto da LCP.

Amazon Vs Libreria

In Francia c’è una proposta di legge per cercare di arginare il monopolio di fatto di Amazon.

Io i libri li compro, e mi piace anche frequentare le librerie fisiche, spesso esco con qualche libro in mano.

Principalmente però i libri li compro on line.

Il motivo principale è che se cerco un libro specifico, nelle librerie vicine non ce l’hanno quasi mai e lo devo ordinare aspettando 7-10 giorni. L’alternativa è fare 30 km (spendendo qualche euro di gasolio e qualche ora) per andare in una grande libreria ma non sempre posso andarci subito, oppure acquistare on line e spendere più o meno lo stesso importo in spese di spedizione e averlo il giorno dopo.

Amazon vince sia come costi che come tempi (di consegna e tempo mio non speso a girare le librerie).

Per chi vive in piccoli paesi come me non vedo una grande alternativa, a meno che rendano costosa la spedizione… cosa che probabilmente si tradurrebbe in meno libri acquistati a prescindere, con buona pace delle librerie.

Il Professionista – John Grisham

Ieri sera, su consiglio di un amico, ho iniziato la lettura de “Il Professionista” di John Grisham.

E’ un libro sul football NFL, mi ha detto.

A pagina 13 si legge:

[Finale AFC] I Browns sono in vantaggio diciassette a zero contro i Broncos a undici minuti dalla fine. Lo zero non rende neanche vagamente l’idea delle dimensioni del massacro dei Broncos, che dopo tre quarti hanno totalizzato ottantuno yarde in attacco e tre, dico tre, primi down

Non è un libro sul football… è fantasy…

La scienza dal giocattolaio

“Il gioco che avrei voluto inventare io? I Lego. Si costruiva e ricostruiva qualcosa seguendo un progetto. Se ne afferravano i principi costruttivi. Si inventava con criterio. Quelle confezioni di mattoncini erano uno strumento potente: avevano spartiti fitti e rigorosi, ti insegnavano a eseguire un pezzo, per poi lasciarti improvvisare con quello che avevi a disposizione. Giocattoli jazz, per gli inventori di domani”.
Davide Coero Borga.

Peccato la mostra fosse così lontano, ma meritava una visita!

Il libro s’ha da prendere!